SEI IN > VIVERE BASILICATA > CULTURA
articolo

I 150 anni della Società di Mutuo Soccorso di Avigliano: l’annullo filatelico

6' di lettura
14

Nel piccolo centro potentino, arroccato sui suoi 800 mt. sul livello del mare, si respira aria di storia. Una storia che arriva da lontano e che ci riporta agli albori delle lotte sociali per la sopravvivenza e la dignità dei lavoratori. Una storia che trova le sue radici nella Società Operaia di Mutuo Soccorso di Avigliano.

La storia (tratta dal sito della Società Operaia di Avigliano)

Immagine che contiene testo, clipart, illustrazione

Descrizione generata automaticamente

La Società Operaia di Mutuo Soccorso di Avigliano nasce il 6 aprile 1874 per volontà di un gruppo di 52 cittadini, appartenenti alle diverse classi sociali del Centro urbano di uno dei più popolosi comuni della regione, abitato in prevalenza da operai, artigiani e piccoli commercianti.
A favorirne la costituzione furono alcune significative figure di intellettuali locali, colti e illuminati, quali il dott. Andrea Claps, valente medico, e i sacerdoti don Donatantonio Lorusso e don Giuseppe Filippi, ex frati del disciolto Convento dei Riformati
Le motivazioni che spinsero alla costituzione della Società sono da ricercarsi nell’esigenza di affrontare la grave crisi economica che aveva fatto seguito all’Unificazione allorché, anche nella comunità aviglianese, si infransero secolari equilibri di sussistenza, fino ad allora retti da consolidati rapporti di vicinato e parentali, oltre che da un sistema economico basato sull’autarchia. Inoltre, la coscrizione obbligatoria, l’imposizione di imposte e tasse, prima sconosciute, e il rivolgimento politico, sociale ed economico, furono i fattori di maggior rilievo che determinarono profonde crepe nella società meridionale, ancor prima che si intravedessero i benefici del nuovo Stato nazionale.

Lo statuto adottato rispecchiava largamente la cultura del Mezzogiorno e i bisogni emergenti, avendo in comune con le altre associazioni del Mutuo Soccorso lo spirito della fratellanza e del solidarismo. La Società, con il mutuo soccorso, si proponeva, quindi, anche un fine civico e patriottico: istruire ed elevare moralmente i soci, in modo che essi potessero “rendersi degni della Patria”. Le finalità assistenziali erano, poi, indicate nel capitolo dedicato ai “Vantaggi e utili della Società”, con una visione abbastanza avanzata rispetto ai tempi, e, per certi aspetti innovativi, anche alla tradizione del Meridione….

Il primo venticinquennio di attività fu caratterizzato da un grande impegno sociale e civile per la solerzia del presidente storico, il dott. Andrea Claps, riconfermato all’unanimità ad ogni scadenza del mandato. Con l’occasione fu organizzata la biblioteca sociale, aperta agli associati e anche ai giovani studenti della nostra cittadina, quando rientravano dalle loro sedi di studi. Il Sodalizio ebbe la gran ventura di avvalersi dei consigli e delle consulenze dell’illustre concittadino, on. Emanuele Gianturco, Maestro del Diritto civile nell’università di Napoli e una delle figure politiche più eminenti della Camera dei Deputati, di cui fu tre volte vicepresidente, e uomo di governo: due volte titolare del Ministero di Grazia e Giustizia, una volta della P. I. e, infine, dei LL. PP.

I giorni nostri

L’attuale Consiglio Direttivo, oltre ad aver deliberato l’adesione a Confcooperative ed avviato i progetti per i Volontari della Protezione Civile Nazionale, ha promosso gli incentivi per lo studio e potenziata la premiazione scolastica, durante la “Giornata delle Donne del Mutuo Soccorso”, dei Soci e familiari che si sono distinti negli studi e nelle attività sportive; ha finalmente portato a conclusione i lavori per la messo a norma antincendio della Biblioteca “Tommaso Claps”, rivitalizzandola con: la promozione della lettura, l’uso multi mediatico, l’attivazione del WiFi Free, la sala studi per gli studenti universitari e la convenzione con la Fondazione Gianturco. Lo stesso è avvenuto con la sala “Andrea Claps”: divenuta ambito centro per corsi di ginnastica, ballo, teatro per bambini ecc.., aperta alle Associazioni del territorio convenzionate con la SOMS.
Dopo il blocco degli apprezzati “piccoli prestiti” effettuati dal decreto “Monti” nel 2012, grazie al Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 176 del 17/10/2014 si è subito istituito il microcredito: anche per i Soci che volessero avviare attività imprenditoriali.

Allo scopo di garantire servizi di welfare integrativo ai nostri associati e per ampliare le attività e favorire l’adesione alla Società di Mutuo Soccorso fra gli Operai di Avigliano dei giovani e di nuovi soci, si sono attivati i sussidi sanitari ed assistenziali e gli incentivi per l’assistenza sanitaria integrativa; oltre a promuovere e partecipare a variegate iniziative socio-culturali con la rete delle associazioni e delle organizzazioni del Terzo Settore locali quali: il corso solidale di italiano per i lavoratori stranieri ed il sostegno e la promozione delle produzioni letterarie e artistiche del territorio; tutte azioni finalizzate anche a contrastare il preoccupante spopolamento che sta interessando il Sud ed Avigliano”.

Leggere le pagine di storia di questa Associazione, così densa di avvenimenti e di attenzione costante per la comunità, rende emozionante ed immersivo il cammino. Oggi questa realtà, a distanza di 150 anni, è vitale ed aggiornata ai tempi moderni in un territorio che sa ancora riservare scoperte e bellezze genuine.

Il programma dei festeggiamenti e l’annullo filatelico

Saranno due i giorni dedicati a questo 150^: sabato 6 e domenica 7 presso la Sala Andrea Claps diversi i momenti di celebrazione, tra preghiera, musica (la presenza della “Banda Musicale Città di Avigliano” ed una mattinata di approfondimenti sui temi della cooperazione sociale ed i momenti conviviali (150° Anniversario della fondazione 1874 - 2024 - S.O.M.S. Avigliano (somsavigliano.com)).

Immagine che contiene schizzo, disegno, testo, clipart

Descrizione generata automaticamente

A sottolineare dal punto di vista postale l’evento aviglianese anche uno speciale annullo filatelico. Realizzato con la collaborazione di Poste Italiane, il servizio temporaneo sarà attivo il giorno 6 aprile con una postazione dedicata in Via Corso Gianturco 95 dalle ore 10,00 alle ore 13,00. L’annullo, in formato tondo, riproduce il logo del 150^ ed è completato dalla scritta “Società di Mutuo Soccorso fra gli Operai di Avigliano – 150 anni di storia, sodalizio dal cuore antico – 6.4.2024 – 85021 Avigliano (Pz)”. L’annullo sarà poi disponibile, a partire dal giorno 8 aprile e per i successivi 60 giorni presso l’Ufficio Postale di Potenza Città – sportello filatelico – Via Pretoria 253/b, al termine dei quali verrà depositato presso il Museo della Comunicazione di Roma.

La solidarietà continua con grande partecipazione in questo lembo di Basilicata, con la consapevolezza che il tempo non cancella i valori di “un cuore antico”.



Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2024 alle 19:11 sul giornale del 03 aprile 2024 - 14 letture






qrcode